Genere
Autori
Informazione sull'autore
Kafka Franz
Kafka Franz sito web
Altre opere
Dona

Codice: Leterbabait

Lettera al padre
[Kafka Franz]

Lettera al padre
Come si fa a commentare una lettera scritta da un figlio trentaseienne al proprio padre, quasi a voler tirare le somme di ciò che è stato di quel rapporto, non richiesto ma necessario? E se a scriverla è Franz Kafka, l’immenso Franz Kafka, con quella sua prosa chirurgica, fatta di tasselli che si compongono e si allungano con una meticolosità quasi morbosa, come si fa a commentarla? Bè, intanto, io credo, lo si fa con un certo pudore, quasi vergogna, e scusandosi. Scusandosi, certo, anche chi la pubblica dovrebbe farlo, di premettere delle scuse, intendo, perché si sta sbirciando nella corrispondenza privata dell’autore, destinata a rimanere tale, nelle sue intenzioni. Kafka affidò la lettera alla madre perché la recapitasse. Non lo fece. E finì poi nelle carte ritrovate e pubblicate postume. Come per i suoi romanzi, affidati a Max Brod perché li bruciasse e da questi invece pubblicati. Certo, noi ringraziamo, ma rimane il fatto che, a leggere questa lettera, un po’ dei guardoni lo si diventa. Kafka scrive una lunga, lucida, amara disamina di cosa ha prodotto l’educazione impostagli dal padre e la figura stessa, ingombrante e sprezzante, del genitore. Così diverso da lui, fragile, insicuro, bisognoso di sostegno, assetato di considerazione, adorante anche per quel padre totalitario, e invece svilito e schiacciato. Descrive minuziosamente gli effetti devastanti che le sicurezze di quel padre via via producevano sul ragazzino, l’adolescente, il giovane e l’uomo. È un continuo specchiare la propria figura in quella del genitore e testimoniare come ne sia stato stritolato, ridotto a pezzi e piegato. In tutto, anche nella scrittura e questo è uno dei passaggi notevolissimi di questo testo.
Scarica Ascolta Recensioni Dillo a un amico